Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters

Ovvero 244 epitaffi che hanno donato l'immortalità a chi in vita è stato tra gli ultimi e tra gli infelici.

Pubblicata nel 1914, questa raccolta di poesie fu creata dal suo autore ispirandosi ai volti e alle storie dei due paesi più importanti della sua vita: Lewinston e Petersburg. Nacque così l’immaginaria Antologia di Spoon River.

I brevi epitaffi dei cittadini che riposano sulla collina di Spoon River raccontano, ciascuno da una propria e sospesa solitudine di ombra, le tribolazioni, il denaro perduto, i figli in guerra, i geni sprecati (o sopravvalutati) e, spesso, ammettono colpe o viltà legate al loro passato tra i vivi.

Tutte le poesie si portano dietro l’eco di qualcosa che è stato e non è più. Su tutti aleggia lo spettro della memoria.

“Noi aleggiamo in questo luogo – noi, le memorie, e ci copriamo gli occhi per timore di leggere: “17 giugno 1884, all’età di 21 anni e 3 giorni...”

Ma, alla fine, la miglior recensione di quest'opera culto, resta sempre quello che disse l’indimenticata Fernanda Pivano (futura traduttrice dell’edizione italiana uscita per Einaudi nel 1943) quando raccontò la sua “prima volta” con l’Antologia di Spoon River:

«Ero una ragazza quando ho letto per la prima volta Spoon River: me l'aveva portata Cesare Pavese, una mattina che gli avevo chiesto che differenza c'è tra la letteratura americana e quella inglese. L’aprii proprio alla metà, e trovai una poesia che finiva così “mentre la baciavo con l’anima sulle labbra, l’anima d’improvviso mi fuggì”. Chissà perché questi versi mi mozzarono il fiato: è così difficile spiegare le reazioni degli adolescenti».

Ultima cosa: la potenza e l'incisività di questi ritratti è tale, da aver toccato la sensibilità di Fabrizio De André che immortalò alcuni passaggi del libro, nel suo memorabile album Non al denaro non all'amore né al cielo (1971) che è anche il mio preferito della sua produzione.

Recuperateli.

Libro e disco (anche quello uscito nel 2005 che ha visto Morgan reinterpretare magnificamente i brani dell'album).




© Riproduzione riservata