Biblioteca Publica Arus: gioiello massonico


La Biblioteca Publica Arus, vanta il primato di essere la prima biblioteca pubblica di Barcellona.

Era il lontano 24 marzo 1895 quando venne inaugurata a seguito del lascito testamentario vergato da un certo Rossed Arus, uomo dalla storia molto intrigante.

Nato a Barcellona nel 1845 e appartenente all'alta borghesia, fu un filantropo, un bibliofilo, un pensatore, un giornalista e un drammaturgo, nonché un convinto sostenitore dell'indipendenza della Catalogna. Ma Arus fu anche di più.

A 21 anni entrò nella massoneria catalana e, in seguito, arrivò a ricoprire il ruolo di Gran Maestro, posizione piena di fascino, mistero e potere al vertice gerarchico della piramide massonica.

Alla sua morte, avvenuta nel 1891, diversi lasciti a scopo educativo riguardarono la sua amata città. Tra questi, il più importante fu certamente il dono al comune di Barcellona della sua casa in Paseo de Sant Juan contenente la biblioteca personale composta da circa 25.000 volumi.

Con il tempo, la biblioteca è cresciuta e, ad oggi, contiene circa 80.000 referenze tra pubblicazioni, riviste, libri, manoscritti e altro materiale.

Buona parte della collezione libraria, si focalizza sul diciannovesimo secolo e tocca argomenti politici e sociali come il movimento laborista, l’anarchismo e, ovviamente, la massoneria.

Un bell'esempio di collezione cresciuta aggregando tra loro le passioni di un unico uomo e che poi si è tramutata in una biblioteca pubblica, sorgente primaria di conoscenza per giovani studenti, ricercatori e appassionati di storia e cultura.





© Tutti i diritti riservati.

© All rights reserved.