La Galcante: la casa parigina del vintage

A metà strada tra il Louvre e Les Halles, nel 1° arrondissement parigino, si nasconde un luogo ricco di fascino che non è presente sulle tradizionali mappe del turismo. Prendete come riferimento l'Hotel de Trudon e, guardandone la facciata, scrutate nelle profondità di un vicolo che porta verso uno di quei favolosi cortili parigini che ti fanno tanto sentire dentro un film di Truffaut.

Entrate nel vicolo. In fondo troverete ad aspettarvi la scricchiolante porta a vetri de La Galcante (pron. Gal-Cont).

Fondata nel 1975 da un ex giornalista e appassionato collezionista di vecchi giornali, La Galcante è un'emeroteca/libreria d'altri tempi specializzata in old press. Roba vintage insomma. Il nome "Galcante" è un gioco di parole tra galerie (galleria) e brocante (una sorta di mercatino delle pulci e di prodotti di seconda mano).

Entri e ti trovi subito schiacciato da circa sette milioni (!!!) di pezzi di carta impilati a formare torri o riposti nelle pareti rivestite dal pavimento al soffitto con cassetti bassi e scaffali pieni di scatole bianche.

Qui dentro c'è di tutto e tutto è accuratamente etichettato: Hemingway, Bresson, Hitchcock, Austen, Bowie e innumerevoli altri. Documenti, stampe, articoli, fotografie, disegni, riviste, etc.

L'idea geniale per attrarre persone? L'invenzione del "Giornale del compleanno". Entri e chiedi tutto quello che è stato stampato, in originale ovviamente, il giorno in cui sei nato (articoli di giornale, riviste, etc.). L'ennesima prova che Parigi non è solo Shakespeare and Company.